Vantaggi dei supplementi a base di sieroproteine del latte nel paziente disfagico e sarcopenico – Caso Clinico Interattivo

Paziente anziano in politerapia viene inviato all’ambulatorio di nutrizione clinica in seguito a calo ponderale importante nell’ultimo anno.

Mario, 78 anni, ha diverse comorbidità, soffre di Parkinson da sei anni e assume diverse farmaci.

Durante l’ultimo controllo neurologico, lo specialista temendo l’insorgenza di un tumore in seguito a un forte calo ponderale negli ultimi 12 mesi prescrive alcuni esami chimici e strumentali.

In seguito agli esiti tutti negativi di tali accertamenti, chiede una valutazione dello stato nutrizionale e della deglutizione.

Quali sono le più frequenti problematiche nutrizionali in un paziente con malattia di Parkinson?

Quali strategie dietetiche e nutrizionali è meglio utilizzare in questi pazienti?

Mettiti alla prova con questo caso clinico interattivo.

Dott. Carlo Pedrolli
Responsabile SS Dietetica e Nutrizione Clinica.
Ospedale S. Chiara, TRENTO

Contenuto riservato agli utenti registrati.